domenica 6 novembre 2016

9 Settembre

Ore 2:47

Non riesco a dormire, e non credo che riuscirò a farlo mai più. Ho paura.
Prenderò un sonnifero, ho bisogno di riposare per essere fresco mentalmente e ragionare al meglio su come comportarmi.

Ore 11:18

Sono nove giorni che sono chiuso in casa. Due giorni prima, io e mia moglie ci siamo recati al supermercato a fare scorte alimentari. Così era stato consigliato dal Presidente della Repubblica in persona in TV, a reti unificate: un virus letale. Nulla di più in quanto a informazioni.
Mentre stavamo caricando in macchina la spesa, due sbandati hanno aggredito mia moglie.

Ho aggirato l'auto per aiutarla e, appena i due sono entrati nel mio campo visivo, il sangue mi si è gelato nelle vene. La visione di quelle "creature" (non voglio e non posso chiamarle "persone" o "umani") mi ha completamente bloccato. Dio mio, la stavano divorando! Le interiora erano completamente alla luce del sole mentre la mia povera consorte ancora non era nemmeno morta. Non ho saputo reagire, forse avrei potuto salvarla ma sono fuggito in auto prima che quelle "cose" si accorgessero di me e mi sono chiuso in casa, chiudendo porte e finestre.
Non ho mangiato né dormito per tre giorni. In quegli attimi di dolore e terrore, l'unica cosa che sono riuscito a fare è stata ammirare in TV la civiltà andare in rovina. Roma, Milano, Torino, Bologna, Napoli, Palermo e molte altre grandi città. Nord, Centro e Sud indistintamente. L'Italia intera è in ginocchio, questa è la verità.
Finché è rimasto attivo il servizio giornalistico, sono state date diverse delucidazioni confusionarie. Qualcuno ha detto che il primo contagio si è verificato in Valle d'Aosta tramite un camionista proveniente dalla Francia. Altri si dicono certi che il contagio abbia avuto inizio al Sud, in seguito ai numerosi sbarchi d'Immigrati. Altri ancora riportano testimonianze diverse. L'esercito e le forze dell'ordine hanno tentato invano di arginare il dilagare del virus, abbattendo e catturando alcune di queste "creature".
Da queste azioni, in seguito anche a studi fatti in segreto (immagino), è derivato un comunicato (sempre a reti unite).
Punti chiave del comunicato:
  • Il virus si propaga attraverso il morso di un infetto (non si sa perché)
  • Il nuovo infettato, nel giro di poche ore muore per poi risvegliarsi e iniziare la sua caccia "ai vivi". Le funzioni vitali azzerate.
  • Non esiste una cura al momento e, in caso di morso, si viene infettati al 100%
  • Solo un forte colpo alla testa può uccidere nuovamente (e definitivamente) il ritornato. (Zombie, il termine esatto è Zombie. Non nascondiamolo)
Questa è stata l'ultima comunicazione via TV dal governo, dopodiché TG  e servizi vari sono andati via via scemando fino a sparire completamente
Ecco ciò che è successo negli ultimi giorni. Ho paura, lo ripeto. Non ho un piano (finora), non ho armi con me, se escludiamo qualche attrezzo riposto in cantina che può essere utilizzato come tale. Non sono un soldato, non sono un eroe. Sono solamente un normale civile, con un normale lavoro che abita in un normale paese alle porte di Milano. Questa è la mia unica fortuna in tutto questo. Non oso immaginare il caos che si sta creando in questo momento in tutte le grandi città d'Italia e, forse, dell'Europa e del mondo intero.

Nessun commento:

Posta un commento